Home

Ampliamento del teleriscaldamento

Facciamo di Bolzano un modello di sostenibilità

Alperia Tower,

where architecture, technology and lights meet


Grazie alla centrale di teleriscaldamento di Bolzano ogni anno viene evitata l’emissione di migliaia di tonnellate di CO2. Il teleriscaldamento sfrutta principalmente il calore del termovalorizzatore dei rifiuti solidi urbani di Bolzano per fornire riscaldamento e acqua calda alla città, riducendo sensibilmente i consumi di fonti tradizionali per l’approvvigionamento di calore dei cittadini.

La centrale, gestita da Alperia, è in funzione da una trentina d’anni. Per portare i benefici del teleriscaldamento a molte altre famiglie, aziende e strutture pubbliche, tra cui anche l'ospedale di Bolzano, stiamo ampliando la rete di distribuzione del calore. Si tratta di un ampliamento consistente che permetterà di servire oltre diecimila famiglie e che garantisce un ottimale sfruttamento del calore di scarto del termovalorizzatore, abbattendo, come previsto dal Piano CO2 del Comune di Bolzano, il consumo di fonti fossili e le emissioni di CO2 nella città.

Una volta portata a termine l’estensione della rete di teleriscaldamento a Bolzano riusciremo a evitare l’emissione di 50.000 tonnellate di CO2 ogni anno. Una quantità di CO2 pari a quella assorbita da 4 milioni di alberi.

Alperia Tower – Serbatoio d’accumulo

Per garantirti in ogni momento riscaldamento e acqua calda, anche durante i picchi di richiesta o in caso di fermo del termovalorizzatore, nella centrale di teleriscaldamento disponiamo di caldaie e motori di riserva. Inoltre stiamo costruendo un serbatoio di accumulo del calore.

Per una gestione efficiente di tutta l’energia termica fornita dal termovalorizzatore puntiamo infatti ad accumulare calore per poterne disporre nei momenti di picco della richiesta. In prossimità della centrale di teleriscaldamento sorge il serbatoio di energia alto oltre 40 metri. Qui vengono immagazzinati circa 5.800 m3 di acqua scaldata dal termovalorizzatore garantendo un accumulo fino a 220 MWh di energia termica. Il mantenimento del calore all’interno del serbatoio viene garantito dall’isolamento termico.

Per contribuire alla valorizzazione architettonica della città, abbiamo indetto in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Bolzano un concorso di idee per l’architettura del nuovo serbatoio. A vincere il concorso di idee è stato un team di architetti della città.

Un circuito praticamente perfetto: come funziona il teleriscaldamento a Bolzano

Fase 1: Dagli sprechi all'energia

Il calore residuo viene generato nell'impianto di riciclaggio dei rifiuti.

Fase 1: Dagli sprechi all'energia

Il vapore acqueo prodotto dalla combustione ne imposta unoTurbina per produzione di energia in corso .

Fase 1: Dagli sprechi all'energia

Il resto del caldo viene utilizzato dall'impianto di teleriscaldamento Alperia.

Fase 2: Il cuore del sistema

Serbatoio di accumulo di calore.

Fase 5: dai rifiuti all'energia

caldaie e cogeneratori di riserva per i momenti di picco della richiesta.

Fase 6: dai rifiuti all'energia

Dalla centrale, il calore, sotto forma di acqua calda, viene immesso nella rete di teleriscaldamento, un circuito chiuso di tubazioni sotterranee.

Fase 7: dai rifiuti all'energia

Lo scambiatore di calore di casa, trasforma l'energia per riscaldare l'acqua sanitaria dell’abitazione e dell’impianto di riscaldamento.

Fase 8: dai rifiuti all'energia

Dopo aver ceduto il calore, l'acqua attraverso la rete di teleriscaldamento torna alla centrale per essere nuovamente scaldata e riprendere il suo giro.

Fase 9: dai rifiuti all'energia

L'impianto di teleriscaldamento provvede al fabbisogno di energia di molti edifici pubblici della città, tra cui l'Ospedale di Bolzano.

Fase 1: Dagli sprechi all'energia

Il calore residuo viene generato nell'impianto di riciclaggio dei rifiuti.

Fase 1: Dagli sprechi all'energia

Il vapore acqueo prodotto dalla combustione ne imposta unoTurbina per produzione di energia in corso .

Fase 1: Dagli sprechi all'energia

Il resto del caldo viene utilizzato dall'impianto di teleriscaldamento Alperia.

Fase 2: Il cuore del sistema

Serbatoio di accumulo di calore.

Fase 5: dai rifiuti all'energia

caldaie e cogeneratori di riserva per i momenti di picco della richiesta.

Fase 6: dai rifiuti all'energia

Dalla centrale, il calore, sotto forma di acqua calda, viene immesso nella rete di teleriscaldamento, un circuito chiuso di tubazioni sotterranee.

Fase 7: dai rifiuti all'energia

Lo scambiatore di calore di casa, trasforma l'energia per riscaldare l'acqua sanitaria dell’abitazione e dell’impianto di riscaldamento.

Fase 8: dai rifiuti all'energia

Dopo aver ceduto il calore, l'acqua attraverso la rete di teleriscaldamento torna alla centrale per essere nuovamente scaldata e riprendere il suo giro.

Fase 9: dai rifiuti all'energia

L'impianto di teleriscaldamento provvede al fabbisogno di energia di molti edifici pubblici della città, tra cui l'Ospedale di Bolzano.

Il piano di ampliamento della rete di teleriscaldamento: un progetto ambizioso per la nostra città

Segui lo sviluppo della rete di teleriscaldamento: grazie alla mappa interattiva puoi seguire lo stato attuale dei lavori.
Verifica se nel tuo quartiere esiste già la rete e pianifica l'allacciamento di casa tua o della tua azienda.